News

Letture e approfondimenti per imprenditori (e non solo).

  • 0

    Commenti. Più competività per aiutare la crescita basata sull’export

    di Carlo Cottarelli e Alessandro Caiumi L’Italia ha al momento un non trascurabile surplus nelle partite correnti della bilancia dei pagamenti: le esportazioni eccedono le importazioni del 2,5% del Pil (circa 43 miliardi nel 2018). La situazione sembra quindi ben diversa da quella di una decina di anni fa quando eravamo in deficit. Tuttavia, come discutiamo in una nota pubblicata sul sito dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani, la solidità della nostra posizione esterna resta dubbia. Il passaggio dal deficit di 1,4% del Pil nel 2007 al surplus di 2,5% del Pil nel 2018 è infatti in gran parte dovuto alla mancata crescita, anzi [...]

  • 0

    La rincorsa dell’Italia. Produttività, perché serve più innovazione

    di Nino Lo Bianco Il 7° rapporto sulla produttività dell’Istat è impietoso. Negli ultimi 16 anni l’Italia ha conseguito un +0,4%, mentre Francia, Spagna e Regno Unito il 15 per cento. La Germania un +18,3 per cento. Il dato aggregato si è ridotto in questi ultimi due anni ed è previsto ulteriormente in discesa. Il Governo è irritato, ma non per questo i dati miglioreranno. Il fenomeno è frutto, in buona misura, di un contesto poco sistemico. Infrastrutture carenti, eccesso di burocrazia, frammentazione di ruoli e servizi pubblici, una notevole differenza di occupati ecc. L’evidenza di questi dati richiede azioni [...]

  • 0

    Impresa 4.0, la Toscana fa il punto sulle iniziative intraprese

    Il paradigma 4.0 ha trovato una nuova declinazione e anche gli enti pubblici mostrano una sensibilità che va a tutto vantaggio dell’impresa e del mondo del lavoro, bisognoso di essere supportato con iniziative concrete. di Alessandro Pescari La Regione Toscana, nel mese di giugno, ha presentato il resoconto sulle attività svolte nel 2017 e al tempo stesso, ha evidenziato le linee guida del Piano delle attività per l’anno 2018, sotto il titolo “Strategia Regionale Impresa 4.0 – Piattaforma Industria 4.0”. Il documento tratta diversi temi in chiave Impresa 4.0: strategia regionale Impresa 4.0 e ruolo della piattaforma, innovazione e trasferimento [...]

  • 0

    Il caso produttività. La spirale negativa da evitare

    di Lucrezia Reichlin Assumiamo, irrealisticamente, uno scenario benevolo: una coalizione stabile e riformista nella prossima legislatura. Quali dovrebbero essere le priorità di questo ipotetico governo? Oltre all’ordinaria amministrazione e al rispetto della stabilità dei conti pubblici, un governo capace di mettere in campo iniziative con un orizzonte di medio e lungo periodo dovrebbe affrontare il problema numero uno dell’Italia: la produttività. Dalla metà degli anni Novanta — da ben più di vent’anni — la crescita della produttività in Italia è rallentata non solo rispetto al passato, ma anche rispetto agli altri Paesi europei. Dalla produttività dipende la crescita di lungo [...]

  • 0

    Welfare e politica. Il lavoro al centro (a parole)

    Quando si parla di welfare non si fa che parlare di aumento delle tasse. Ma bisognerebbe invece concentrarsi sul lavoro e sulla crescita. Due fattori che vedono nell’aumento delle tasse il loro ostacolo principale di Daniele Manca Siamo entrati nell’era delle carriere discontinue. È l’effetto più dirompente creato da rivoluzione tecnologica, mancata crescita, concorrenza estrema tra aziende e Paesi. Questo produce una generale sensazione di incertezza tra quanti hanno un lavoro e tra chi invece ancora non ha un’occupazione, o ce l’ha ma frammentata nel tempo, segnatamente i giovani. Una situazione che sta minando la demografia perché rende più difficile [...]

  • 0

    Progetto Aspen Institute. Raccontare in modo nuovo l’impresa bella e sostenibile

    di Antonio Calabrò Una “bella impresa”. Efficiente, trasparente, innovativa. E sostenibile, dal punto di vista ambientale e sociale. Una “bella fabbrica”, insomma, ben progettata da grandi architetti (Renzo Piano, Michele De Lucchi, ecc.) e tecnologicamente competitiva, come tante che ne sono oramai in Italia, da Settimo Torinese al Veneto, dalle Marche all’Emilia dei distretti della meccanica hi-tech. Eccellenze del made in Italy. Competitività internazionale. Strutture produttive in grado di garantire ricchezza, lavoro, coesione sociale. La neo-fabbrica di meccatronica e farmaceutica, gomma e agroalimentare, chimica, arredamento e tessile come conferma economica della virtuosa sintesi greca del “kalòs kai agathos”. “Una bella [...]

  • 0

    Eurodibattito. Riforme solo con più integrazione

    Come proseguire sulla strada di una federazione europea Colpa dell’Italia non aver colto i benefici delle politiche Bce, dell’Esm e dei fondi strutturali di Pietro Reichlin   Un dibattito sui costi e i benefici di restare all’Area Euro è certamente utile, ma non può prescindere dalla premessa che l’adozione della moneta unica fa parte di un più generale progetto di integrazione commerciale, finanziaria, fiscale e politica a cui hanno aderito i rappresentanti eletti dei Paesi europei da oltre sessant’anni. È piuttosto ovvio che questo disegno, come accade in qualsiasi federazione, obbliga gli Stati ad adeguarsi a regole e vincoli, tra [...]

  • 0

    Ripresa difficile. L’articolo di Keynes e la domanda che manca

    di Fabrizio Galimberti Quo vadis, economia italiana? Non a farsi crocifiggere di nuovo, speriamo. I dati di ieri e delle ultime settimane sono complessivamente deludenti, e si salva solo il dato sulla disoccupazione, che continua a recedere. Sul mercato del lavoro si china anche il rapporto di ieri dell’Istat sulla «Competitività dei settori produttivi». Proprio queste temperie – negative e positive – inducono a riflettere sulle cause profonde del bene (poco) e del male (tanto) dell’economia italiana. Sull’andamento di un sistema economico incidono le forze inerziali dell’economia da un lato, e le politiche dall’altro. Ora, le uniche politiche di supporto [...]

  • 0

    Economia. La crescita delude, non bastano i tagli per ridare fiducia

    Consumi e investimenti. Preoccupa l’aumento del Pil dello 0,2% perché da vent’anni il nostro sistema risponde poco alle misure anticicliche. Le riforme sono giuste ma devono accelerare. di Lorenzo Bini Smaghi Passato qualche giorno dalla pubblicazione dei dati sul Prodotto lordo del secondo trimestre, si può cercare di ragionare a freddo sulle azioni da intraprendere, anche in vista delle prossime scadenze autunnali.È inutile girarci intorno. Il dato – una crescita del Pil dello 0,2%, dopo lo 0,3% del primo trimestre – è deludente, forse addirittura preoccupante. Se è vero che non c’è più il segno meno (era anche ora dopo [...]

  • 0

    Contrastare la crisi – crescita e aziende. Il segreto della competitività

    Il network di ricerca Compnet della Bce presentato a Francoforte di Giorgio Barba Navaretti La competitivitá dei paesi dipende dalle caratteristiche delle loro imprese. Gran banalità penserà qualcuno. Sará, peccato che molti dei ragionamenti di politica economica su come rafforzare la competitivitá o su come ridurre gli squilibri di bilancia commerciale si basino su una rappresentazione media del sistema produttivo. In altri termini le caratteristiche media di un’impresa in un determinato settore sono considerate statistiche adeguate e sufficienti per caratterizzare quel settore e quel paese, le sue virtù e le sue debolezze. Un esempio, l’enfasi che la Commissione europea assegna [...]

© 2013 | 2017 Studio Ragazzo-Pescari Professionisti Associati - All rights reserved. P.iva 01224480473