• 0

    Commenti. L’innovazione strategica supera il prodotto

    di Fabio Antoldi Il testo è uno stralcio tratto dal volume «L’eccellenza manageriale. Imparare dalle Best managed companies italiane» La maggioranza dei settori industriali, del manifatturiero come dei servizi, è alle prese in questi anni con uno sviluppo tecnologico intenso e pervasivo per tutti i processi aziendali, sviluppo che comunemente passa sotto l’etichetta di Industry 4.0. Si tratta, com’è noto, di un nuovo paradigma organizzativo e industriale che vede l’adozione pervasiva nelle aziende di tecnologie quali la meccatronica, la robotica collaborativa, Internet of things (Iot), Big data e machine learning, Intelligenza artificiale (Ai), cloud computing, cybersecurity, manifattura additiva (stampa 3D), nanotecnologie, materiali intelligenti. Sebbene questo paradigma investa [...]

  • 0

    Il Caso a Nord Est. Inventare il lavoro che non c’è

    Il caso Pordenone. Costruire una fabbrica interamente nuova all’insegna del 4.0. è una lezione di business nell’era del digitale. E l’occupazione non diminuirà di Mario Di Vico Raccontano che Enrico Cuccia stentasse a credere che la piccola Pordenone anni 60 degli Zanussi fosse una delle capitali mondiali della produzione di elettrodomestici. Da allora di anni ne sono passati proprio 60 e quel primato ha dovuto affrontare molteplici discontinuità: l’avvento dei produttori asiatici, le delocalizzazioni, un mercato come quello italiano dove si formano poche nuove famiglie e, ora, l’avvento dell’e-commerce. Non era scontato che l’industria del bianco in Italia sopravvivesse: le grandi [...]

  • 0

    Gestione d’impresa. Banche e PMI alla prova dell’open innovation

    di Alessandro Pescari Il sistema bancario da alcuni anni sta affrontando il cambiamento in atto attraverso diverse strategie basate essenzialmente sulle applicazioni digitali. In relazione a ciò e tenuto conto dell’avanzata dei big player dell’IT anche nel settore creditizio, in particolare in quello retail, le banche hanno iniziato a investire nell’acquisizione o partecipazione in start-up innovative specializzate nel fintech, oltre che potenziare piattaforme non proprio innovative per la clientela business. Questo ritardo viene ancora più evidenziato dalle offerte sempre più mirate di operatori disparati indirizzate anche alle piccole e medie imprese, coprendo così esigenze di credito in tempi brevi, per imprese che talvolta trovano difficoltà [...]

  • 0

    Commenti. Più competività per aiutare la crescita basata sull’export

    di Carlo Cottarelli e Alessandro Caiumi L’Italia ha al momento un non trascurabile surplus nelle partite correnti della bilancia dei pagamenti: le esportazioni eccedono le importazioni del 2,5% del Pil (circa 43 miliardi nel 2018). La situazione sembra quindi ben diversa da quella di una decina di anni fa quando eravamo in deficit. Tuttavia, come discutiamo in una nota pubblicata sul sito dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani, la solidità della nostra posizione esterna resta dubbia. Il passaggio dal deficit di 1,4% del Pil nel 2007 al surplus di 2,5% del Pil nel 2018 è infatti in gran parte dovuto alla mancata crescita, anzi [...]

  • 0

    Denaro e tecnologia. Meravigliosi o da incubo: gli scenari aperti da Libra

    L’informatica offre metodi di pagamento molto più rapidi e sicuri di quelli che usiamo. Ma lo spirito critico deve restare vigile perché enormi questioni sono in gioco di Salvatore Rossi Un fatto è certo: quando un abitante di un qualsiasi angolo del mondo deve pagare per qualcosa – una noce di cocco, un computer, un taglio di capelli – usa prevalentemente strumenti arcaici. Pezzi di carta come banconote o assegni, tutt’al più pezzi di plastica come carte di credito o bancomat. Questi ultimi pure costosi. Ė come vibrare una clava sulla testa di un malcapitato per aggiustargli un capello fuori posto. [...]

© 2013 | 2017 Studio Ragazzo-Pescari Professionisti Associati - All rights reserved. P.iva 01224480473