• 0

    Intervento. Politiche attive, lavoro 4.0, garanzia giovani, crisi: le priorità per la manovra

    L’occupazione giovanile. Nella legge di bilancio dovremo inserire misure per favorirne assunzioni con interventi mirati e permanenti di Giuliano Poletti Per far fronte alle ricadute della doppia crisi finanziaria, che tra il 2008 e il 2013 aveva cancellato 900 mila posti di lavoro e fatto esplodere il ricorso agli ammortizzatori sociali in tutte le forme possibili, nel triennio 2014/2016 ci siamo concentrati principalmente sull’obiettivo di creare, attraverso incentivi e misure fiscali, le condizioni di fiducia per far ripartire l’economia e recuperare l’occupazione perduta, aumentando la quota di contratti stabili. Il risultato è stato che l’occupazione è aumentata ad un tasso [...]

  • 0

    Welfare e politica. Il lavoro al centro (a parole)

    Quando si parla di welfare non si fa che parlare di aumento delle tasse. Ma bisognerebbe invece concentrarsi sul lavoro e sulla crescita. Due fattori che vedono nell’aumento delle tasse il loro ostacolo principale di Daniele Manca Siamo entrati nell’era delle carriere discontinue. È l’effetto più dirompente creato da rivoluzione tecnologica, mancata crescita, concorrenza estrema tra aziende e Paesi. Questo produce una generale sensazione di incertezza tra quanti hanno un lavoro e tra chi invece ancora non ha un’occupazione, o ce l’ha ma frammentata nel tempo, segnatamente i giovani. Una situazione che sta minando la demografia perché rende più difficile [...]

  • 0

    Innovazione e complicazioni. Il paradosso della telematica

    di Salvatore Padula La telematica vola. Le semplificazioni arrancano. Sono le due facce di questo fisco estivo, che da un lato ha fatto passi da gigante sul fronte dell’innovazione e dell’informatica. Ma dall’altro continua a misurarsi con un contesto che di semplice ha davvero poco. Ormai da molti anni, praticamente tutti i dati fiscali vengono acquisiti in formato digitale: milioni e milioni di bit, tra modelli e comunicazioni varie, che arrivano al fisco tramite il sistema Entratel, il canale dell’agenzia delle Entrate utilizzato dagli intermediari. Anzi, dovremmo dire, il canale “sempre più utilizzato” dagli intermediari, visti i numeri da record [...]

  • 0

    Economia civile. Ciò che è bene per la società, lo è anche per l’impresa

    di Stefano Zamagni Oggi abbiamo bisogno di parlare di responsabilità civile dell’impresa perché le dimensioni culturali, politiche, sociali dell’ambiente in cui l’impresa opera, sono essenziali per il suo successo. La stagione della società taylorista, in cui la governabilità dell’azienda era tutto quel che si chiedeva al management è alle nostre spalle. La concezione che separa i fatti dai valori, i risultati dall’etica, le motivazioni estrinseche da quelle intrinseche di chi lavora, è diventata una palla al piede. Concepire l’impresa come merce che può essere comprata e venduta significa dimenticare che le imprese in quanto organizzazioni alle quali la società assegna [...]

  • 0

    Commenti e inchieste. Il più potente ascensore sociale

    L’aliquota unica favorisce la voglia di migliorare le proprie condizioni di Franco Debenedetti Habent sua fata libelli, e non solo loro: quando, un anno fa, il gruppo di economisti, sociologi e attuariali raccolti e guidati da Nicola Rossi, riprendendo precedenti suoi studi, iniziarono a formalizzare il progetto che ora porta il nome di “25xtutti”, nessuno di loro poteva sapere quando esso sarebbe stato terminato e quali sarebbero stati i rapporti numerici e programmatici tra le forze politiche. Deve considerarsi una fortunata combinazione che quel momento sia venuto in piena campagna elettorale, quando cioè le parti politiche mettono a punto le [...]

© 2013 Studio Ragazzo-Pescari Professionisti Associati - All rights reserved. P.iva 01224480473