News

Letture e approfondimenti per imprenditori (e non solo).

0

Esame di maturità

di Aldo Cazzullo

La crisi italiana non è soltanto di competitività e di liquidità. È anche una crisi di fiducia. Il governo può e deve prendere misure per sostenere le imprese e favorire l’accesso al credito; ma la fiducia non può essere restituita per decreto.
Fa bene il capo dello Stato a richiamare l’attenzione sul «Paese che non si ripiega su se stesso», e sulle opportunità che lo attendono. Come ha detto Giorgio Napolitano, c’è un’Italia che resiste alla crisi e non si arrende all’idea che il futuro coincida con il destino; e c’è un mondo che guarda all’Italia come alla patria della creatività e della cultura, delle cose buone e delle cose belle. Il mondo globale è un fattore di crisi, perché il lavoro viene esportato, con la delocalizzazione, e importato, con l’immigrazione. Ma il mondo globale è anche una grande chance per il Paese dell’artigianato di qualità, della manifattura di pregio, del design, dell’arte, che non ha motivo di sottovalutarsi e deve spezzare la cappa di autolesionismo.

Per il suo richiamo alla coesione e alla fiducia, il presidente della Repubblica non poteva scegliere una circostanza più adatta del lancio dell’Expo 2015 – voluto da governi di ogni colore – e un luogo più indicato di Monza, alle porte di Milano. Per quanto tempo si sia perduto, l’Expo può ancora essere un grande successo. Intanto perché verte sul cibo – un settore di punta per il nostro export – e sullo sviluppo sostenibile, il che chiamerà in causa il volontariato, il no profit, le energie sociali e anche il ruolo della Chiesa cattolica, rigenerata dall’avvento di Papa Francesco. E perché l’Expo sarà per l’Italia una vetrina affacciata sul mondo di domani, sulla Cina, sull’India, sul Brasile, sull’Africa, sul nuovo Medio Oriente che uscirà da una travagliata stagione. Questa vetrina non poteva che essere a Milano, una metropoli che porta la vocazione alla centralità nel suo stesso nome: Mediolanum, la città che sta in mezzo. Finanza, editoria, design, moda, lirica, calcio, ospedali d’avanguardia, università d’eccellenza: Milano ha radici solide, come il Paese che rappresenterà nel 2015. L’importante è che l’Italia sappia ritrovare se stessa.

Molto dipende anche dal governo Letta. Un governo che non era nei desideri di nessuno, ma è l’unico possibile. Il Paese non reggerebbe all’ennesima legislatura perduta: le misure per rilanciare l’economia, le riforme per rendere la politica più efficiente e meno costosa, il semestre di presidenza Ue sono prove da non fallire. Enrico Letta sta confermando la sua competenza e la sua preparazione, ma deve andare oltre. Non si pretende da lui il carisma, che per le larghe intese sarebbe più di ostacolo che di aiuto. Guidare un governo però richiede comunque capacità di leadership. Un premier può essere tecnicamente bravissimo, ma se non «sente» il Paese, se non lo ascolta e non lo interpreta, se non va nelle aziende e nelle scuole, se si lascia trascinare dal gorgo dell’agenda istituzionale, non riuscirà a restaurare la fiducia che oggi manca. Napolitano chiede giustamente stabilità. E la stabilità dei governi dipende anche dalla loro capacità di entrare in sintonia con un Paese che mantiene fondamenta salde, ma ha bisogno di essere rinfrancato sulle proprie capacità di ripresa.

da Il Corriere della Sera dell’8.07.2013

© 2013 Studio Ragazzo-Pescari Professionisti Associati - All rights reserved. P.iva 01224480473