News

Letture e approfondimenti per imprenditori (e non solo).

0

Con le reti si cresce

La Toscana cresce solo con le retiLe imprese tornano in «piazza»
Al Mandela Forum il terzo appuntamento della Compagnia delle Opere
di Pino Di Blasio

IL PRESIDENTE NERI «Piccole e grandi aziende 300 si confronteranno per trovare idee. E per offrire lavoro»

I NUMERI
300 IMPRESE PRESENTI Al Mandela Forum il 29 maggio ci saranno piccole e grandi aziende, con La Toscana in prima fila
15 GRANDI GRUPPI Da Ferrovie a Menarini passando per Ferragamo, Eli Lilly, Conad e Cacci tanti i marchi importanti

FIRENZE. «DA SOLI non si va da nessuna parte. Soprattutto in mezzo a questa crisi che scatena cambiamenti epocali. Mettendosi in gioco, confrontandosi con competitori e partner, si capisce meglio qual è lo stato di salute della propria impresa. Ed è fondamentale per sapere dove si potrà arrivare». Francesco Neri, presidente della Compagnia delle Opere si prepara al terzo appuntamento di «Piazza toscana» sventolando la slogan «Conoscersi per crescere». Trecento imprese, soprattutto piccole e medie, in prevalenza della regione, si danno appuntamento per il 29 maggio al Mandela Forum di Firenze, per offrire lavoro, per cercare partner, contatti, contratti, confronti.

«Seguiamo l’esempio del matching nazionale di novembre – spiega Neri, raccontando l’esperienza della Compagnia delle Opere di Milano – dell’incontro tra imprese e imprenditori replicato su scala locale. E’ un’opportunità molto importante, soprattutto per chi vuole conoscersi, fare sinergie, mettersi in rete. Le esperienze precedenti in Toscana hanno dimostrato che nella nostra piazza si possono trovare clienti e fornitori potenziali, oltre a ricette per far crescere la propria impresa». Con 283 aziende l’anno scorso, e altre 300 quest’anno, l’appuntamento al Mandela Forum si annuncia come un barometro cruciale per misurare lo stato di salute dell’economia toscana.

«LA COMPAGNIA delle Opere – è la premessa di Neri – è un’esperienza relativamente modesta in Toscana, anche se molto vitale. Abbiamo 300 imprese associate, in particolare piccole e medie oltre a studi associati. E c’è una rete di servizi no profit, come il Banco Alimentare, che tradizionalmente trovano nella Compagnia la loro rappresentanza. La Toscana non è un territorio complicato per noi, anzi abbiamo trovato momenti di ascolto. Abbiamo una dimensione che non dà fastidio alle grandi associazioni di rappresentanza, con le quali collaboriamo attivamente». Tra le imprese presenti a Piazza Toscana ci sono grandi nomi, come Menarini, Conad, Eli Lilly, Ferragamo, Gucci, Virgin, la Fiorentina, Ricciarelli, Tesi Vivai, Autogrill e Ferrovie dello Stato. Oltre allo stand per incontrare le aziende del territorio, con le quali fissare eventualmente contratti di fornitura, avranno anche uno sportello per offrire lavoro, per raccogliere curriculum di giovani e meno giovani.

«E’ un tentativo di sostenere – spiega il presidente della Compagnia – non dico certo di risolvere, chi cerca un altro lavoro. Ci sono anche possibilità di collaborazione, come ad esempio le Cantine Antinori che cercano artigiani, falegnami e vetrerie. La parola chiave resta ‘comunità’, la ricerca di una strada comune per trovare nuove chance di crescita. Le istituzioni, come Regione, Camera di Commercio e Comune, danno il loro sostegno. E noi proviamo a non far chiudere le imprese nel loro piccolo mondo, ma a farle espandere, conoscendo quello che fanno gli altri. Ci saranno anche momenti dedicati alle varie filiere, ai settori di produzione. Perché non si sa mai da dove può nascere l’idea che ti fa decollare».

da La Nazione, 22 maggio 2013

© 2013 Studio Ragazzo-Pescari Professionisti Associati - All rights reserved. P.iva 01224480473