News

Letture e approfondimenti per imprenditori (e non solo).

  • 0

    Gestione d’impresa. Punti impresa digitale, il network camerale al servizio delle imprese

    di Alessandro Pescari In questi ultimi anni il Piano nazionale Industria 4.0 (declinato in Impresa 4.0) ha rappresentato un traino fondamentale per (ri)orientare il processo produttivo delle imprese, con una svolta al tradizionale modello di business e ponendo le basi per un cambiamento verso il “digitale”. Ecco quindi che le imprese più strutturate hanno effettuato notevoli investimenti in risorse hard e soft, beneficiando di un più adeguato sistema produttivo e traendo vantaggio dalla leva fiscale (e non solo) alla base del piano 4.0. Al riguardo il professor Marco Perona, ordinario dell’Università di Brescia e socio fondatore di IQ Consulting, ha [...]

  • 0

    Commenti. Il triennio d’oro della manifattura, battuta la locomotiva tedesca

    di Marco Fortis Dopo un iniziale, timido recupero nel 2014, negli ultimi tre anni (2015-2017) il valore aggiunto della industria manifatturiera italiana è sempre regolarmente aumentato di più del valore aggiunto delle manifatture francese e britannica e in due anni su tre (il 2015 e il 2017) anche di più di quello della manifattura tedesca. Nel 2017 i dati sono stati i seguenti: Italia +3,8%, Germania +2,7%, Regno Unito +2,3%, Francia +1,7%. In seguito a ripetute revisioni, l’Istat ha restituito un quadro progressivamente sempre più veritiero di quanto è realmente accaduto alla nostra manifattura, molto differente rispetto alle prime stime, [...]

  • 0

    Commenti. Perché la nazionalizzazione di Alitalia è illegale e sbagliata

    di Gianfilippo Cuneo La decisione del governo di nazionalizzare l’Alitalia è illegale, sbagliata da una punto di vista industriale e finanziario, e non serve nemmeno a creare occupazione; come ho scritto su questo giornale il 4 maggio 2017, e come hanno scritto sempre economisti, esperti del trasporto aereo e investitori professionali, è una decisione anche antistorica perché va contro le logiche di business del settore. Non c’è dubbio che la decisione implica un aiuto di Stato, che però non è preceduto, come impone la legge, dalla preventiva approvazione della Commissione europea. In passato, le violazioni (cioè i due interventi finanziari [...]

  • 0

    Intervista. “Impresa dimenticata, non è questa la strada per crescere”

    Carlo Robiglio. Presidente della Piccola Industria di Confindustria «Ma come. Si mette la crescita al centro, come driver fondamentale della manovra e poi si riducono gli incentivi agli investimenti»? Carlo Robiglio non è per nulla soddisfatto della direzione presa dal Governo. Manovra di bilancio che guarda al consenso di breve periodo puntando su pensioni e reddito di cittadinanza – spiega il presidente della Piccola Industria di Confindustria – ma che trascura completamente le imprese e che in realtà non guarda affatto allo sviluppo. «La sensazione – dice – è che non ci sia purtroppo alcuna comprensione del ruolo svolto dall’impresa [...]

  • 0

    Misure economiche. Se nessuno pensa più a chi lavora e produce

    di Alberto Alesina e Francesco Giavazzi Mettiamo da parte per un momento i mercati e l’Europa. E chiediamoci: la manovra economica approvata dal governo giallo-verde che segnali invia al Paese? Certamente non è una manovra che va nella direzione degli italiani che lavorano e consentono a questo Paese di crescere, almeno un po’. Anzi, le misure adottate, con l’eccezione dell’agevolazione fiscale per le partite Iva, componente peraltro marginale, sono per lo più sussidi a favore di chi non lavora. Vengono riviste le condizioni minime per andare in pensione, in sostanza viene accorciata la vita lavorativa. Si introduce il reddito di [...]

  • 0

    Commenti. Dalla blockchain una spinta e uno scudo per il made in Italy

    Questa tecnologia è in grado di alimentare nuove professionalità di Enrico Cereda Lo dirò subito senza tanti giri di parole: blockchain è lo strumento con cui possiamo far crescere e migliorare il clima di fiducia in ogni settore del Paese. Tra produttori e consumatori, tra pubblica amministrazione, imprese e cittadini. Il made in Italy, in particolare, può trarre enormi benefici da questa tecnologia rafforzando la percezione della sua qualità sui mercati globali. Cominciamo da alcuni dati di fatto, quelli che nel corso degli ultimi anni hanno fotografato un trend sempre più consolidato: la maggioranza delle persone tende ormai a fidarsi [...]

  • 0

    Commenti. Il sommerso che sfugge a economisti e Pil

    di Carlo Carboni Del lavoro nero non si sente più parlare in politica. Eppure gli ultimi dati Istat disponibili ci dicono che il lavoro irregolare ha generato un valore aggiunto che è cresciuto dai 71,5 miliardi del 2012 ai 77,4 del 2015. È anche aumentato il tasso di lavoratori irregolari (al 15,6% nel 2015). Se ne è parlato quando è stato prospettato un lavoro nero per quanti ricadranno nelle restrizioni volute per i contratti a termine. Eppure, tra i gap (di genere, generazionali, territoriali) di cui soffre il nostro Paese, economia sommersa e lavoro nero hanno un posto di primo [...]

  • 0

    Commenti. L’ineguaglianza di opportunità acuisce il divario fra i redditi

    La ricetta della banca mondiale affinché la situazione non degeneri (anche in Italia) di Beda Romano Dietro al dibattito sul futuro dell’Europa che con ogni probabilità segnerà la prossima campagna elettorale in vista del rinnovo del Parlamento europeo si nascondono tendenze di fondo che stanno drammaticamente spaccando le società europee: il graduale assottigliamento della classe media e il forte aumento delle ineguaglianze sociali. Sono due propensioni che stanno rafforzando i partiti più estremisti. Nessun Paese ne è immune, tanto meno l’Italia dove i livelli di ineguaglianza dei redditi sono ormai vicini a quelli latino-americani. La Banca mondiale pubblica oggi un [...]

  • 0

    Società. Fondo di Garanzia, un’opportunità per imprese e professionisti

    di Alessandro Pescari Da oltre vent’anni il Fondo di Garanzia (legge 662/1996) rappresenta un valido strumento per la crescita e lo sviluppo di imprese e professionisti che fanno ricorso al capitale di debito. Il Ministero dell’Economia ha emanato il D.M. 8.06.2018 con il quale ha apportato modifiche al D.M. 30.06.1998, relativo a Statuto e regolamento operativo del Fondo nazionale di garanzia. Tra i vari aggiornamenti, il citato decreto ha stabilito che, oltre agli intermediari finanziari istituzionali, sono soggetti aderenti al Fondo “i gestori di portali per la raccolta di capitali per le piccole e medie imprese e per le imprese [...]

  • 0

    Commenti. Trasformare il cambiamento in opportunità

    di Massimo Giordano L’adozione di tecnologie per l’automazione e l’intelligenza artificiale trasformerà profondamente il mondo del lavoro nei prossimi 10-15 anni e le persone si troveranno a interagire con macchine sempre più sofisticate. Numerosi saranno i benefici, a livello economico e sociale. Una nostra recente ricerca evidenzia che il 60% della crescita della produttività stimata per il prossimo decennio sarà generato dal digitale. I vantaggi potenziali per le aziende sono enormi, nei diversi settori. Inoltre, in tutti gli scenari che McKinsey ha sviluppato da qui al 2030, le tecnologie contribuiranno a creare nuovi posti di lavoro compensando quelli che verranno [...]

  • 0

    Commenti. Nuove carriere e formazione nell’era della tecnologia

    di Edoardo Campanella L’avvento delle nuove tecnologie è una minaccia per milioni di lavoratori, nei settori più disparati. Tuttavia, le scarse prospettive occupazionali del futuro avranno poco a che fare con i robot quanto con i nostri limiti cognitivi e le nostre distorsioni psicologiche. Le occupazioni oggi più richieste, come i data scientist, gli sviluppatori di app o gli specialisti del cloud computing, non esistevano cinque o dieci anni fa. Si stima che il 65% dei bambini che entrano nella scuola primaria oggi svolgerà professioni che non esistono ancora. In un mercato del lavoro in così rapida evoluzione, ai lavoratori [...]

  • 0

    Commenti. Le vie divergenti di Tesla e Ford verso la mobilità del futuro

    di Giuseppe Berta La lunga intervista rilasciata da Elon Musk ad Automotive News il 13 luglio è quanto di più simile a un’autocritica si possa immaginare nel caso di un personaggio sempre pronto a controbattere ai rilievi che gli vengono mossi con un fiume di tweet, spesso intemperanti e talvolta ingiuriosi. Il comportamento di Musk – il cui carattere sfiora tratti autistici – gli ha spesso nuociuto negli ultimi mesi, riflettendosi anche sulla capitalizzazione di Borsa delle sue attività, a cominciare da Tesla, posta sul banco degli accusati dagli analisti per l’incapacità di realizzare i volumi produttivi annunciati. Il 2018 [...]

  • 0

    La quarta rivoluzione industriale. Così l’uomo potrà vincere la gara contro le macchine

    Una community di esperti italiani è già al lavoro per offrire idee e soluzioni alle imprese, ai sindacati e al governo di Edoardo Segantini La quarta rivoluzione industriale non sarà l’incubo distruttivo temuto da alcuni e neppure la panacea miracolosa sognata da altri. Se ben progettata, si baserà su tre pilastri: tecnologie digitali, modelli organizzativi, lavoro qualificato. Così concepita, l’attuale ondata innovativa è la più grande opportunità di sviluppo dell’Italian Style industriale, cioè il modello realizzato dalle migliori imprese. Un modello che è possibile estendere all’intero tessuto produttivo. Al centro di questi sviluppi c’è la valorizzazione del lavoro: una «professionalizzazione [...]

  • 0

    Commenti. Per creare nuova occupazione servono servizi per l’impiego 4.0

    di Carlo Carboni Il fiume del cambiamento del mondo del lavoro corre tra due sponde: “lavorista” e populista. C’è chi pensa che occorra più lavoro in funzione di sviluppo e crescita e chi è per politiche passive, dall’aura assistenziale, come il reddito di cittadinanza (Rdc). Su una riva ci sono quanti ritengono che il lavoro sia la prospettiva sociale dell’uomo anche nel XXI secolo, in particolare, il nuovo lavoro 4.0. Il lavoro sta cambiando e non scomparendo: se diminuisse, occorrerebbe redistribuirlo per la sua funzione di socializzazione. Le prospettive del lavoro si legano sia alle capacità di governance del mercato [...]

  • 0

    Impresa 4.0, la Toscana fa il punto sulle iniziative intraprese

    Il paradigma 4.0 ha trovato una nuova declinazione e anche gli enti pubblici mostrano una sensibilità che va a tutto vantaggio dell’impresa e del mondo del lavoro, bisognoso di essere supportato con iniziative concrete. di Alessandro Pescari La Regione Toscana, nel mese di giugno, ha presentato il resoconto sulle attività svolte nel 2017 e al tempo stesso, ha evidenziato le linee guida del Piano delle attività per l’anno 2018, sotto il titolo “Strategia Regionale Impresa 4.0 – Piattaforma Industria 4.0”. Il documento tratta diversi temi in chiave Impresa 4.0: strategia regionale Impresa 4.0 e ruolo della piattaforma, innovazione e trasferimento [...]

  • 0

    Lettera aperta di otto economisti. In difesa del risparmio e del lavoro degli italiani

    Pubblichiamo la lettera di otto economisti con formazione culturale e opinioni diverse, ma che condividono l’idea che l’euro non possa essere messo in discussione di Lorenzo Codogno, Giampaolo Galli, Alfredo Macchiati, Mauro Maré, Stefano Micossi, Pietro Reichlin, Guido Tabellini, Vito Tanzi L’Italia oggi corre rischi gravi. Malgrado le opportune smentite del ministro Tria e del Presidente del Consiglio, permane il timore che l’idea di uscire dall’euro non sia stata definitivamente abbandonata. Questo spiega perché lo spread dell’Italia stia oscillando in questi giorni su valori che superano di oltre 100 punti base quelli prevalenti sino a poche settimane fa. Occorrono smentite [...]

  • 0

    Evasione e condoni. E sul fisco tutti amici come prima

    Sulle questioni fiscali si esercita il massimo di ipocrisia nazionale. Ma oggi si registrerebbe uno scatto in più. Un gradino disceso lungo la scala invisibile che porta alla rottura del rapporto fra cittadino e Stato, fra individuo e comunità di Ferruccio de Bortoli In attesa di vivere una giornata senza dichiarazioni ad effetto e proclami estemporanei, proviamo a riflettere sulla promessa fiscale di questo governo. Non tanto sulla sempre più incerta flat tax, quanto sulla cosiddetta pace fiscale. Ovvero il condono tombale per le cartelle esattoriali inferiori ai centomila euro. Nella sua bulimica narrazione quotidiana, il leader di fatto del [...]

  • 0

    Lettera al premier. Come proteggere l’interesse italiano in Europa

    di Francesco Giavazzi, Lucrezia Reichlin e Luigi Zingales Signor Presidente del Consiglio, le dichiarazioni rilasciate a Meseberg dal presidente francese Emmanuel Macron e dalla cancelliera tedesca Angela Merkel sono un segno importante della volontà dei due maggiori Paesi della eurozona di riformare l’Unione monetaria. Se ne discute da anni, proposte diverse sono pervenute da parte di esperti e di istituzioni federali, ma per la prima volta l’iniziativa è stata presa da capi di Stato eletti e questa la rende più credibile. La trattativa che si svolgerà durante l’incontro dei capi di governo la prossima settimana è quindi un momento da [...]

  • 0

    Fintech, limiti e opportunità

    Il dibattito in corso (economico e istituzionale) e le molteplici piattaforme aperte nell’ultimo periodo, polarizzano l’attenzione di tutti gli operatori. E non solo. di Alessandro Pescari In un precedente intervento è stato evidenziato come gli operatori del Fintech si stiano organizzando e quali attività abbiano già intrapreso, anche con successo. Considerato che tali attività incidono direttamente sul core business delle banche, queste ultime, già da alcuni anni, hanno investito in programmi di open banking. È altresì noto che l’evoluzione del digitale spinga sulla disintermediazione del credito delle banche, a vantaggio, in primis, degli attori dei Big data (Apple, Amazon, Google, [...]

  • 0

    Le vie della crescita. Scacco al dopo-crisi in sette mosse

    La lezione del rigorismo keynesiano Le imprese pretendono dalla politica un contesto favorevole e una strategia per il Sud di Pierluigi Ciocca Nonostante progressi recenti la debolezza dell’economia italiana permane, oltremodo preoccupante per i mercati, per l’intera Europa, soprattutto per il Paese. Anche se montasse la bava di recupero ciclico del Pil che è in atto (1,5%, se non meno), non v’è crescita. L’accumulazione e l’innovazione – i due motori dello sviluppo sostenibile, di trend – sono spenti. Dal 2010 al 2017 lo stock di capitale (non residenziale) è scemato, cumulativamente quasi del 10%: gli investimenti lordi non sono bastati [...]

  • 0

    Le vie della crescita. Una nuova Pa per aiutare le imprese

    di Marcello Clarich Creare un contesto istituzionale favorevole alle imprese «è uno sforzo di lunga lena» e l’agenda delle riforme non può essere dettata dalla «facilità di ottenere risultati nel breve periodo». Con queste parole il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, nelle considerazioni finali sulla relazione annuale dell’Istituto di via Nazionale, ha preso posizione sui tentativi di riformare la pubblica amministrazione. Il punto di partenza nel ragionamento del governatore è che l’economia italiana si sta rafforzando e sono «state eliminate le fonti di rischio sistemico» nel settore bancario, anche se ora bisogna innalzare il potenziale di crescita dell’economia e [...]

© 2013 | 2017 Studio Ragazzo-Pescari Professionisti Associati - All rights reserved. P.iva 01224480473